Cecilia Roda

Ti aspetto come si aspetta il venerdì

Ti aspetto come si aspetta il venerdì
non il martedì o il mercoledì
nemmeno il giovedì
il lunedì proprio non lo tengo in nota
ti aspetto come il venerdì
che il lunedì sembra così lontano
poi in un battibaleno
ti svegli ed è giovedì
è già giovedì?
non ti par vero
e finalmente domani è venerdì
il giorno più bello di tutti
l’unico in cui lavori sereno
e guardi la tv fino a tardi
perché tanto domani dormi
puoi spegnere tutto
anche il cervello
lo lasci adagiarsi sul cuscino insieme a te
finalmente libero da ogni pensiero
fatta eccezione per te
tu sei l’unico pensiero
che rimane anche a cervello spento
a disconnessione effettuata
a mancanza di connessione
tu rimani sempre
nel mio back end
ma anche nel mio front end
mi fai sviluppare
più di quanto abbiano fatto tutti gli altri.

 

L’amore in technicolor (Interno Poesia Editore, 2024)

Scopri il libro