Joshua Mehigan


La spugna

Nessuno di noi capisce la nostra storia meglio
di questa nullità, sbaglio inconscio
di natura, ma anche nostra comune genitrice
che si espande in fondo al mare.

La genitrice, anche, del polpo e del pony,
delle scogliere e dei paesini, un tempo strana
semplicemente per non essere roccia lei stessa –
non roccia, ma sonno vuoto su un ripiano di roccia.

E, profondamente solidale con la roccia,
col mare e la polvere di mare a lavarsi nella sua pelle,
sa, sebbene non sappia di sapere,
che le menti e i loro ambienti sono tutt’uno.

Alcuni vedono il suo modo di pensare; i più, non ancora.
Tuttavia, un giorno, solo vivendo, tutti troveranno
ragione abbastanza dentro sé per pensare
il singolo pensiero da sempre nella sua mente.

*

The Sponge

None of us understands our story better
than this nonentity, unconscious slip
of nature, nonetheless our common parent
dilating at the bottom of the sea.

The parent, too, of octopus and pony,
of reefs and villages, once it was strange
simply for being not a rock itself—
not rock, but a blank sleep on a rock shelf.

And, deeply sympathetic to the rock,
to sea and sea-dust washing through its skin,
it knows, although it doesn’t know it knows,
that minds and their milieux are all one thing.

Some see its way of thinking; most, not yet.
Still, one day, just by living, all will find
reason enough within themselves to think
the single thought forever in its mind.

“The Sponge”, da Accepting the Disaster (Farrar, Straus and Giroux, 2014), traduzione del testo in italiano di Stefania Zampiga