Cinzia Demi

Ph. Maurizio Gabbana

siamo tentati dalle sponde
dal moto delle onde
dal pianto dall’ombra,
quali forma di passanti
fiutiamo il movimento

ci affanniamo
nei grembi delle madri
rotoliamo nelle piazze
delle gioie laceranti
ci sdraiamo amanti

diversi dei giorni
mentre pulsano le ore
nelle caverne dei
graffiti nelle tombe
dei re sui piedistalli

dei martiri e il circo
mediatico di chi ci
stana dal letargo
di chi ci lascia una
parte di vita appesa

al rovesciarsi
dei legni e degli imperi
segna la conta dei nomi
persi stranieri nei nostri
pegni nei nostri cieli

Il solstizio dei sentieri (CartaCanta – Capire Edizioni, 2024)