Franco Buffoni


Giornale deca croissant

Ragionano, blandiscono, promettono
Con fare complice e bonario:
Si permettono. Il capolavoro forse è proprio
Diventare vecchi e non adulti
Aspettando mezzogiorno al caffè,
Giornale deca croissant
Defunto lo sguardo.
Di quando il vecchio preside mi disse
Non aveva mai avuto un amico
Con cui confrontarsi, sempre frenato
Dal timore che la sua autorità
Potesse produrre favoritismi.
Ma ora con la pensione
Si sentiva più sicuro,
Poteva darmi del tu.

 

La linea del cielo (Garzanti, 2018)

© Foto di Dino Ignani

Franco Buffoni

franco_buffoni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lunga nota medievale

Ma voglio quegli anni o gli anni nuovi,
Mi sorprendo a chiedermi: un
Tuffo nell’ignoto o la strategia del noto?
Da capo rivivendo quel nostro decennio
Con la testa di oggi,
O ritrovandomelo intatto a stordire?
Si ripresenta la fuga del padre
Perdutasi nel nulla verso oriente
Dopo che conventi e osterie
Bordelli e sacrestie
Mi ebbero accolto e scacciato
Nutrito e denunciato.
Poi apparisti tu, Jucci, e io…
Fammi almeno risentire
La tua lunga nota medievale,
Con quella in mente
Voglio trasmigrare.

 

Jucci (Mondadori, 2014)

Foto di Dino Ignani