Stefano Modeo

Tornare

Il mare inchiodato da pali di castagno,
la coda delle auto, l’azzurro del mattino
invalidano l’attenzione, esaltano
la tua inadeguatezza, la tua esitazione.
Accorgersi di non sapere nulla
di queste vite che sono restate,
di quelli che vivono sulle spine
in mezzo agli sguardi di tutti.
E tra le mura cercare il capo d’un filo
da stringere, dove anche un passante
vale qualcosa a condannare sé stessi.
La città torna a illuminarsi d’inganni,
fine dell’esitazione: «Dove sei stato,
da cosa sei scappato in questi anni?»

Partire da qui (Interno Poesia Editore, 2024)

Scopri il libro

Rispondi