Roberto Amato


Mi ci sono voluti diciannove anni per leggere questo quaderno di appunti.
Sono settantasette paginette mi pare in ottavo.
Certo era molto giovane Flaubert,
gli si può perdonare tutto.
Soprattutto l’innocente incoerenza.

Io non sono mai stato molto giovane e, da subito,
colpevolmente coerente,
mi sono messo a progettare questo
Trattato sui principi luminosi delle latebre
che quasi certamente non vedrà mai la luce.

Ecco, tra me e Flaubert c’è una bella differenza.
Lo deve ammettere Dottore.

Le attitudini terrestri (Elliot, 2018)

Rispondi