Patrizia Vicinelli


Il cavaliere di Graal

Da un altro punto furono viste le stagioni
fino lì sconosciute
solo allora poté sedersi ad ammirare
il senso dell’alternanza.
Dalla sua radice gassosa ne muta
la base visibile
e lo cimenta la traiettoria
di notte e giorno la luce,
il cielo.
E’ fusa la donna alla sua ombra
eppure trema al fuoco dell’inizio
così se li sposta i suoi passi
Iside all’orizzonte meta
ora essa fugge la sua lontananza.
Perché non cola l’attesa profumata
ossia fermarsi
la sua ansia volta avrà la fine
di profilo porre cosa la tiene unita
quella che stacca la radice, un alito.
Batte allora come sul ferro la materia di sé
e lo plasma ogni angolo continuo
della vista
una distanza del suo centro esatta
la definisce.
I piani diversi del linguaggio
ne è avvolto
così genera le forme della sua ricerca
egli ha imparato come lasciarsi solcare
ad essere cinto dalle tracce.
Con un colpo d’occhio sentiva
la presenza simultanea di tutto ciò
che nella terra cresce
e questa coscienza della condizione attuale
lo aiutava come una disciplina.
Ciò che non è compiuto spinge
il modo del procedere,
meta, meta, arsi e riarsi,
durante la costa dei millenni.
Incessante se lo vide nascere e morire
il mondo fino a dove
non ci fu più tempo né abbastanza luce
per seguitare i paradossi demoniaci
sbalzato come dura pietra molle ora
nelle acque del fiume,
si agitava dentro pezzi di realtà dissimili.
Nel mentre cantano nel petto i volti
dei suoi sogni
muta al mattino in albe anche dorate,
quale certezza venga da mondi paralleli, attriti
posti sopra o sotto, vincolanti.
Scivolando lungamente sul fianco
della piramide atavica
lo blocca quando vuole come esercizio
e intanto la miseria dell’uomo
va consumata dentro di sé, nell’arca
del suo spazio interiore
intendeva infrangere ciò che da inadeguato
si ricompone ad ogni istante.
L’attrazione dinamica del fare mancò
a quel punto
e alla fine della danza più lunga,
l’abbandono e il silenzio
della grandiosa solitudine
lo rendeva eterno,
come collocato su di un punto raso
della terra, sotto le stelle.
Non era più chiamato in battaglia
da tanto tempo.
Il mio inizio è forse il solo inizio,
disse l’uomo assetato, e si sedette
a guardare l’evidenza del suo destino.
Il cavaliere che guarda la luna,
non cerca e non aspetta niente.
Beveva quel soffice vino d’agosto
e teneva la porta aperta
sulla laguna afosa della fine d’agosto,
musica in viole di quel tempo, vino di Graal.
Si chiedeva se non fosse una sua fantasia
mentre risa fendevano l’aria,
di giovani donne ubriache.
Arrossisce il suo silenzio il vino
e gli dà corpo
col respiro batte il ritmo della mente
nell’aria intatta
ora a cerchio lo sguardo la perdita lo svela,
un parallelepipedo di una battaglia navale
del settecento,
esatto d’ombre fatte di sfumature.
In settembre oltre la luce così bassa
e radente, c’è nebbia
e l’odore di funghi porcini annusati
a lungo, come nelle sere d’inverno.
La configurazione del male così conosciuta
era allora impalpabile, sembrava
non ci fosse traccia.
Intanto la luna al primo giorno calante
porge la notte in adagio,
la struttura tutto sommato
è tonda ora, poi cambierà.
Già pensa che il santo Graal è troppo lontano,
e il bicchiere si sta offuscando
di rosso, – qualsiasi cosa signore, ma
spingimi avanti – nuovamente il bicchiere
brilla rosso e la luna
fra gli alberi cade con la certa nebbia
fino ai pini, alle acacie, ma non i grilli
non i ragni, le libellule fino a ieri poi.
Non c’è arrivo non c’è sosta non
c’è partenza, ma il succedersi senza tregua.
Questo sì, che a ogni livello ne succeda
un altro, per generazione spontanea
l’aveva saputo della ruota che girava
mentre i mondi finivano, a volte.

Non sempre ricordano (Le Lettere, 2009)

2 pensieri su “Patrizia Vicinelli

  1. Patrizia Vicinelli percorre la strada dell’eloquio alto, dell’espressività non consueta, della tecnica e dell’originalità, pur con movenze compiute. Apprezzabili davvero alcuni passaggi come:

    “così genera le forme della sua ricerca
    egli ha imparato come lasciarsi solcare
    ad essere cinto dalle tracce”

    o ancora:

    “La configurazione del male così conosciuta
    era allora impalpabile, sembrava
    non ci fosse traccia.”

    Alto è il tenore di un altro passaggio molto ben riuscito, teatrale, nell’accezione icastica del termine. é la richiesta di poter condurre a buon fine la ricerca, la sfida, l’impresa per chi sente le sue mani e il suo passo forse inadeguati:

    “Già pensa che il santo Graal è troppo lontano,
    e il bicchiere si sta offuscando
    di rosso, – qualsiasi cosa signore, ma
    spingimi avanti – nuovamente il bicchiere
    brilla rosso […]”

    Altrove sembra in procinto di cadere, o comunque di voler affrontare il rischio sempre in agguato delle parole in libertà che non centrano il vero senso, che si cristallizzano nell’algore, che fanno del voluto non senso o dell’astruso senso la sfida destinata talvolta a risolversi in un esercizio lasco di stile. L’eccentricità o l’allineamento alla presunta eccentricità non risolvono il problema.
    Forse è talvolta per tali ragioni se il sentire comune del lettore, e spesso anche di chi scrive, non percepisce come ineludibile e prioritaria l’esigenza di rivolgersi solo a tali fonti.

  2. Complimenti per la poesia, non ci si capisce niente e forse nemmeno vuol dire qualcosa, ma vuoi mettere quante parole… ma proprio tante…

Rispondi