Michele Mari

michele-mari

Arrivati a questo punto
dicesti
o si va oltre
o non ci si vede mai più

Non capivi che il bello era proprio quel punto
era rimanere
nel limbo delle cose sospese
nella tensione di un permanente principio
nel nascondiglio di una vita nell’altra

Così il mio contrappasso di pokerista
è stato perdere tutto
appena hai forzato la mano

 

Cento poesie d’amore a Ladyhawke (Einaudi, 2007)

Un commento su “Michele Mari

Rispondi