Jan Skácel

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Poesia

Abbiamo silenzio come i bimbi freddo
non si sa quando tanto tempo fa
rimandiamo accampando molte scuse
e troveremo scuse ancora a lungo

Siamo come un punto scucito al buio
e quanto non sappiamo e che promesse

Siamo pioggia rivolta verso l’alto
Siamo al rovescio nell’istante in cui
la verità è un dito sulle labbra.

 

Il colore del silenzio. Poesie 1957-1989 (Metauro, 2004), trad. it. A. Cosentino

2 commenti su “Jan Skácel

  1. Felicità d’incontrare e leggere un vero poeta, conosciuto e apprezzato in Germania (Reiner Kunze ne è un grande estimatore), ma, temo, ancora poco in Italia, tranne una fama effimera, se non sbaglio, pochi decenni addietro.

Rispondi