Fabio Pusterla

fabio-pusterla

 

Sabbia

Tu non lo sai, ma io spesso mi sveglio di notte,
rimango a lungo sdraiato nel buio
e ti ascolto dormire lì accanto, come un cane
sulla riva di un’acqua lenta da cui salgono
ombre e riflessi, farfalle silenziose.
Stanotte parlavi nel sonno,
con dei lamenti quasi, dicendo di un muro
troppo alto per scendere sotto, verso il mare
che tu sola vedevi, lontano splendente.
Per gioco ti ho mormorato di stare tranquilla,
non era poi così alto, potevamo anche farcela.
Tu hai chiesto
se in basso ci fosse sabbia ad aspettarci,
o roccia nera.
Sabbia, ho risposto, sabbia. E nel tuo sogno
forse ci siamo tuffati.

 

Corpo stellare (Marco y Marcos, 2010)

3 commenti su “Fabio Pusterla

  1. L’ha ribloggato su Trasparenze vivee ha commentato:
    Siamo entità non meglio definite che, silenti, ci caliamo nella penombra di quella stessa notte e osserviamo il sogno. Anche a noi verrà da sussurrare “sabbia”…
    Una lirica delicata che lascia trasparire tutto l’amore …

Rispondi