Mark Strand

Portrait Of Mark Strand

 

La fine

Non ogni uomo sa cosa canterà alla fine,
guardando il molo mentre la nave salpa, o cosa sentirà
quando sarà preso dal rombo del mare, immobile, là alla fine,
o cosa spererà una volta capito che non tornerà più.

Quando il tempo è passato di potare la rosa, coccolare il gatto,
quando il tramonto che infiamma il prato e la luna piena che lo gela
non compariranno più, non ogni uomo sa cosa scoprirà al loro posto.
Quando il peso del passato non si appoggia più a nulla, e il cielo

non è più che luce ricordata, e le storie di cirro
e cumulo giungono alla fine, e tutti gli uccelli stanno sospesi in volo,
non ogni uomo sa cosa lo attende, o cosa canterà
quando la nave su cui si trova scivola nel buio, là alla fine.

 

 

da L’uomo che cammina un passo avanti al buio. Poesie 1964-2006 (Mondadori, 2011), trad. it. D. Abeni

14 commenti su “Mark Strand

  1. porca miseria! Ho passato tutto ieri pomeriggio a cercare ‘sto libro che sono sicura d’aver comprato, tempo fa… e non lo trovo piùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùù!
    Basta. Me lo ricompro.

    Auguri, intanto, ok?

  2. Direi che nessun uomo lo sa… a meno che non abbia un filo diretto col Creatore. Io quantomeno non l’ho e dunque non so, ma neppure me lo chiedo, saprò quando sarà il momento, esattamente come per tutti gli altri momenti della vita, a che pro chiderselo prima?
    Ti auguro un 2015 in cui non manchi mai la luce di un sorriso, ne il calore dell’amicizia, ne tantomeno l’affetto di chi ti vuole bene.

Rispondi