Maria Del Vecchio


Simulacro

Ho fabbricato con queste
mie mani
(quelle stesse che per anni
t’hanno scelto, accarezzato,
succhiato qualche organo)
una statua di te
simulacro del mio disamore.
Di notte,
nel grano bagnato
striscio come una serpe
mi arrosso le gambe,
arrivo ai tuoi piedi
e col piccone ti abbatto,
ma lieve è il mio mestiere
perché solo tu possa
sapere il perdono.
Non devi pagare le mie pene,
ne sono ancella e custode gelata:
io rido.

 

Arimanere (Interno Poesia Editore, 2017)

Preordina il libro: www.produzionidalbasso.com/project/arimanere

© Foto di Marco Di Gioia