Guido Mazzoni

Essere con gli altri

È una festa, sono persone che non vede da anni,
raccontano cose che non può comprendere, le parole
come segni e come feltri, la propria faccia fra i mobili degli altri.
Io sono soltanto questo aneddoto, anche voi vi schermate,
rincorrete i figli fra i tavoli
dentro i ricordi d’infanzia. I saluti nel parcheggio, le auto.

Guardo le nuvole sopra di me, sono un’idea,
sono l’immagine di un intero che mi sovrasta,
vedo me stesso come qualcuno che coglie
l’immagine di un intero dentro le nuvole che lo sovrastano,
nell’aria volano animali impercettibili, scosse elettriche
nella calotta della mente, seguo le spie
illuminare l’abitacolo, la striscia continua, le strade esistere dopo di noi.

 

La pura superficie (Donzelli, 2017)

© Per gentile concessione di Donzelli Editore

© Foto di Dino Ignani