Florbela Espanca


Il bene più grande

Questo mio amarti senza che mi ami,
questo soffrir per te costantemente,
venirti dietro senza che mi vedi
commuoverebbe tutta l’altra gente.

Se tu mi baci la tua bocca mente…
Quanti baci di donna sanguinanti
mi ha messo in bocca la tua bocca ardente?
E quanto inganno nel tuo dire vano!

Ma che m’importa se tu non mi ami.
Se la pena, il dolore e la fatica,
il misero tormento, arduo e profondo,

di quel tuo disamore, del tuo spregio,
è nella vita il bene mio più grande,
è tutto ciò a cui tengo a questo mondo?

*

O maior bem

Este querer-te bem sem me quereres,
Este sofrer por ti constantemente
Andar atrás de ti sem tu me veres
Faria piedade a toda a gente.

Mesmo a beijar-me a tua boca mente…
Quantos sangrentos beijos de mulheres
Poisa na minha a tua boca ardente,
E quanto engano nos seus vãos dizeres!…

Mas que me importa a mim que me não queiras.
Se esta pena, esta dor, estas canseiras,
Este mísero pungir, árduo e profundo

Do teu frio desamor, dos teus desdéns,
E, na vida, o mais alto dos meus bens?
É tudo quanto eu tenho neste mundo?

Questo mio corpo sfamerà le rose (Interno Poesia Editore, 2024), cura a traduzione di Graziano Graziani

Scopri il libro

Graziano Graziani


Er critico

Er critico è un mestiere un po’ fetente:
l’artista è lì che suda e che se sbatte
e quello sbuffa, scrive, controbbatte,
e poi a la fine nu’ je piace gnente.

Er critico nun è come la gente
che ar teatro ce va pe’ ride o piagne:
lui cerca “er senzo”, poi caccia le lagne
che l’arte nun è più “controcorente”.

Ma poi che va cercanno? Li fantasmi?
Quello che nun se vede e nun se sente?
Un po’ come li matti co’ li spasmi…

Io critico so’ stato – e pe’ passione! –
ma ancora mó ce sta chi s’arisente
e giura che ero solo un rosicone.

Er Corvaccio e li morti (Interno Poesia Editore, 2022)

Acquista ora