Lalla Romano


Amore, bada, se mi vuoi ferire,
che la ferita non mi sia mortale.

Lagnarmi non m’udresti del mio male,
ma lontano da te vorrei morire.

Come la cerva ch’è ferita a morte,
nel folto delle selve fuggirò.

Sola e senza rimpianger la mia sorte,
amor, lontano da te morirò.

 

Poesie (Einaudi, 2001)

Rispondi