Marco Tornar


Al buio

Al buio, nella sorpresa di annuncio
ti saluto tre volte. Tra la materia
e il soffitto si traducono fuochi
per sempre stranieri. L’essenza di una scala
vuole forme compiute, silenzi che formano un viso.
La vita stessa si trattiene
nell’amore di una goccia, respira il labirinto
che diventa mattino e panico della sorpresa. Esci
in un tempo di pura attesa
che non ha stirpe, buio senza una diga.
Gli atleti sono già tutti apparsi
e non possono fermare il miracolo.

 

La scelta (Jaca Book, 1996)

Un commento su “Marco Tornar

Rispondi