Éric Sarner

sarner
Vuoto
nella stanza in alto
sente il suo corpo sordo
un po’ come fosse sordo
la prima volta
lui non sa
batte
c’è come una menzogna soffocata
tutto è fermo
una sirena
guarda il suo viso allo specchio
il riflesso
si passa dell’acqua limpida
sugli occhi e ancora e ancora
si riunisce
in una sola
onda rossa
flusso feroce
un intaglio
per diventare
egli stesso
il Vuoto

 


Salto nel sole oscuro
(Terra d’ulivi, 2016), trad. it. E. Macadan

© Foto di Claudio De Sat

Un commento su “Éric Sarner

Rispondi