Camilo Pessanha

Camilo Pessanha

Statua

Sono stanco di sondare il tuo segreto:
nel tuo sguardo incolore, – freddo scalpello, –
ho spezzato il mio sguardo, dibattendolo,
come l’onda sulla cresta di uno scoglio.

Segreto di quest’anima, e mio esilio
e mia ossessione! Per berlo, sono venuto
a baciare le tue labbra, in un incubo,
lungo notti di sgomento, impaurito.

Ed il mio bacio, allucinato, ardente,
si raffreddò sul marmo irreprensibile
di quelle gelide labbra socchiuse…

Di quelle labbra marmoree, discrete,
severe come un sepolcro chiuso,
severe come l’abisso quieto del mare.

Clessidra (Einaudi, 2000), trad. it. B. Spaggiari

Un commento su “Camilo Pessanha

Rispondi