Alberto Bertoni

alberto bertoni

 

Vedo i coetanei di mio padre
orientarsi, scrivere, viaggiare
e lui quasi niente
purissimo bianco memoriale
buco vivo che ripete in poco tempo
sei-sette volte la stessa frase
e dopo che mi adora
come l’amore più grande non si sogna

Penso che è lui il poeta
io l’archivista muto
della sua foto con ferrari
in officina, la tua macchiata
di sudore e di unto

 

da Ricordi di Alzheimer (Book, 2007)

9 commenti su “Alberto Bertoni

  1. Splendida lirica, molto toccante… mia madre, devastata da una vecchiaia impietosa si allontanava sempre di più dalla persona che io conoscevo, tutto si spegneva in lei, la voce, lo sguardo, il sorriso. Ancor adesso no riesco a darmene pace, cerco di aggrapparmi a ricordi migliori. Grazie per questa testimonianza, che mi fa sentire meno sola.

  2. Audit iter, numeratque dies,/spacioque Viarum Metitur vitam,/torquetur peste futura
    (s’informa sul percorso, conta i giorni e misura la vita sulla lunghezza della strada, ed è tormentato dalla sventura che verrà) Michel de Montaigne

  3. Veramente toccante . In poche righe una realtà drammatica ma a volte anche tenera. La nonna di mio genero , malata da tempo, quando vede mia figlia sorride sempre. Forse quest’ immagine è rimasta impressa nella sua memoria. Isabella

Rispondi